Installazione Pompa di Calore

Prendiamo spunto dal periodo di chiusura della nostra attività per scrivere quest’altro articolo sperando di far cosa gradita ai molti utenti e installatori che ci seguono e ci scrivono. Trattasi di un esempio pratico di studio economico di  retrofit di un impianto domestico considerati gli incentivi vigenti.

INSTALLAZIONE DI POMPA DI CALORE PER RISCALDAMENTO IN EDIFICIO RESIDENZIALE UNIFAMILIARE

Il cliente Mario Rossi ha intenzione di installare in un comune del nord Italia (zona climatica E) una Pompa di Calore aria/aria multisplit in un edificio residenziale di circa 200mq costruito degli anni ‘70. Vedremo l’applicabilità degli incentivi e il ritorno economico  della sostituzione di un vecchio generatore  costituito da caldaia a metano, gasolio o GPL per la sola copertura del fabbisogno energetico per il riscaldamento (nei casi tipici delle PDC aria/aria il vecchio generatore viene mantenuto solo per la produzione di acqua calda sanitaria)

DATI DELLA POMPA DI CALORE (PDC)  DA INSTALLARE:

  • Potenza termica globale: 8.5kW
  • COP: 3.86
  • Classe : A++

CALCOLO DEL FABBISOGNO PER IL RISCALDAMENTO (*):

  • Superficie riscaldata: 200mq
  • Fabbisogno di energia in uscita dal generatore: 30.000 kWh/anno
  • Consumo energia elettrica con PDC (post-intervento): 7800 kWh (costo annuo pari a 1950€)
  • Consumo di metano ante intervento: 3472 Smc (costo annuo pari a 2950€)
  • Consumo di gasolio ante intervento: 3579 litri (costo annuo pari a 5368€)
  • Consumo di GPL: 5005 litri (costo annuo pari 3203€)

(*) Fabbisogno stimato per immobile con scarsa coibentazione

COSTO DELL’INTERVENTO:

Si ipotizza un costo globale di fornitura ed installazione pari a  8500€ iva inclusa.

INCENTIVI

Analizzeremo di seguito tutte le varie forme di incentivo nazionale (detrazioni fiscali e conto termico). Il cliente, pena l’inammissibilità ai contributi, potrà scegliere solamente una forma incentivante.

Detrazioni fiscali:

Bell’ambito delle detrazioni fiscali il cliente potrà scegliere tra il bonus ristrutturazione edilizie oppure l’ecobonus (comma 347)

Ristrutturazione edilizia

Il bonus prevede una detrazione irpef pari al 50% della spesa sostenuta. Il cliente potrà detrarre quindi 425€/anno per 10 anni per un totale di 4250€.

Ecobonus (comma 347)

Il comma 347 relativo al risparmio energetico dell’installazione della PDC prevede una detrazione irpef pari al 65% della spesa sostenuta. Il cliente potrà detrarre quindi 552.5€/anno per 10 anni per un totale di 5525€.

Conto Termico 2.0:

Il conto termico prevederebbe  l’erogazione in unica soluzione di un incentivo pari a 3538€. Purtroppo il cliente non può richiedere il conto termico perché nella fattispecie non ha smantellato il vecchio generatore.

TEMPO DI RITORNO DELL’INVESTIMENTO:

Il cliente, scelto di optare per il beneficio dell’ecobonus (comma 347), avrà i seguenti tempi di ritorno (**):

Sostituzione caldaia a metano:

Risparmio annuo pari a 1000€, tempo di ritorno dell’investimento di  5 anni e mezzo.

Sostituzione caldaia a GPL:

Risparmio annuo pari a 1253€, tempo di ritorno dell’investimento di  5 anni

Sostituzione caldaia a Gasolio:

Risparmio annuo pari a 3418€, tempo di ritorno dell’investimento di  2 anni

(**) calcolo semplificato

A disposizione come sempre per le vostre pratiche!